La manutenzione del Thorens 124

I Thorens di Simone Lucchetti        L'Hi-Fi

 

IL THORENS 124

(DI SIMONE LUCCHETTI - ROMA)

 

Che dirvi di lui che non sappiate gi?? E' il mio giradischi preferito, amo le sue forme, la sua complessit?; nulla nella sua costruzione, a mio avviso, ? stato lasciato al caso.

Il suo sistema di funzionamento misto cinghia-puleggia ? estremamente affidabile.

All'atto dell'accensione il motore incomincia a ruotare, trasmettendo la rotazione del proprio albero, tramite una cinghia, ad un satellite calettato. Contemporaneamente la puleggia in gomma, che a giradischi spento si trova in posizione di riposo, va a poggiarsi sul satellite in movimento e sul bordo interno del piatto, permettendone la rotazione.

Questo ? a grandi linee il funzionamento del giradischi.

Si tratta di un oggetto in cui  la precisione meccanica svolge un ruolo fondamentale e, se si esegue una buona manutenzione, ? un giradischi virtualmente indistruttibile.

Il primo e pi? importante parametro da tenere sotto controllo ? la temperatura del motore.

Mi spiego meglio. Al variare della temperatura il motore  tende a variare la propria velocit? fino a che, raggiunta la sua temperatura di esercizio, si stabilizza. Se il motore non ? stato mai revisionato, l'attrito interno fa s? che esso raggiunga rapidamente la sua temperatura di esercizio, ma ? anche vero che poi tender? ad oltrepassarla. In parole povere, far lavorare il motore senza una adeguata revisione provoca un surriscaldamento del motore ed una lenta "cottura" degli avvolgimenti, che alla lunga causa la rottura del motore. Un esperimento che potete fare ? accendere il vostro td124 e toccare  il motore dopo un paio di ore, se al contatto il calore ? elevato,vuol dire che il motore presenta una situazione di attrito anomalo.

A volte anche dopo una accurata revisione non si riesce a risolvere il problema, a causa del parzialmente danneggiamento del motore.

La revisione ? pertanto una operazione che al motore di durare pi? a lungo nel tempo in condizioni ottimali.

Ritengo sia inutile andare ad investire anche parecchi soldi per una macchina del genere, curandosi solo di verificare di aver usato l?olio giusto per il perno, di aver sostituito la puleggia o che la velocit? di rotazione sia perfetta se poi non si revisiona il cuore del giradischi (il motore).

 

LA REVISIONE DEI THORENS 124/I e 124/II

Le operazioni manutentive riportate nel seguito presuppongono una certa manualit? ed una certa dimestichezza nelle operazioni di smontaggio e rimontaggio di parti meccaniche. Si raccomanda tuttavia la massima attenzione nella effettuazione delle operazioni che verranno nel seguito descritte, per non incorrere in errori che potrebbero essere anche irreparabili.

Non ci si assume nessuna responsabilit? in merito alle operazioni descritte, n? tantomeno in merito ai possibili rischi per le persone causati da operazioni effettuate in condizioni di mancata sicurezza personale.

 

PER PRIMA COSA OCCORRE STACCARE LA SPINA DELLA CORRENTE.

TOGLIERE IL BRACCIO,CON LA RELATIVA BASETTA, IL PIATTO E IL CONTROPIATTO ED INFINE IL MOBILE

NON TOGLIERE IL PIATTO CON TUTTO IL PERNO , SI RISCHIA DI GRAFFIARLO.

 

IL TEMPO NECESSARIO PER LE OPERAZIONI NEL SEGUITO DESCRITTE DIPENDE DALLA MANUALITA' DELL'OPERATORE. PER UNA PERSONA MEDIAMENTE ESPERTA IL TEMPO SI AGGIRA INTORNO ALLE 3 ORE.

 

1.    La manutenzione del perno

Smontare innanzitutto le tre viti di fermo in corrispondenza alla sede del perno (1) e togliere il piattello di fondo premendo delicatamente il perno del giradischi verso il basso del giradischi. Tolto il piattello inferiore si procede quindi al lavaggio della sede del perno, utilizzando un prodotto lubrificante/degrippante tipo SVITOL.

Si costruisce poi un grosso tampone, utilizzando dell'ovatta di qualit? (che non perda le fibre) e degli spedini in legno da cucina e si pulisce a fondo la sede del perno. Con la mia pasta (la trovate in vendita su eBay) procedete quindi alla lucidatura del solo perno, facendo attenzione a non depositare la pasta nella parte inferiore del perno dove ? presente la sfera. Riposizionate (o sostituite con elemento in teflon)  la pasticca . Non riposizionate in questa fase n? il perno n? l'olio, che  verranno riposizionati alla fine del ciclo di manutenzione.

   

 

2.    La pulizia del motore

Passiamo ora alla manutenzione del motore (3).

Occorre innanzitutto smontare la puleggia superiore in alluminio (5), quella, per intenderci, fissata all'alberino del motore e che muove la cinghia. Per smontarla bisogna allentare la vite, o le viti, laterali presenti. Si tira quindi verso l'alto la puleggia metallica utilizzando solo le mani. Non utilizzare assolutamente utensili per far leva. Se la puleggia dovesse opporre resistenza, controllare che le viti laterali siano svitate correttamente. A questo punto occorre dare dei piccoli colpetti, con un pezzetto di legno, verso il basso, lungo l'asse del motore. Non dare colpi lateralmente per evitare di inclinare l'asse del motore. Togliere quindi la puleggia metallica.

Si procede quindi svitando le viti che tengono fissata la basetta dei contatti (2) posizionata a fianco del motore; in questo modo la basetta dei contatti sar? libera dal telaio. Questo permette di sganciare il motore senza dover dissaldare tutti i fili!!!

Abbassiamo quindi il giradischi in piano e togliamo i fermi del motore (sono i tre anelli in corrispondenza delle sospensioni in gomma) mentre con l'altra mano sosteniamo il motore, che, altrimenti, cadrebbe. Ora il motore ? libero; si pu? quindi alzare il giradischi come nella foto. Occorre procurarsi degli spessori da posizionare sotto le barre filettate; esse sono in grado di sostenere tranquillamente il peso del giradischi senza flettersi. Posizionare il giradischi in verticale e in modo che il lato sinistro poggi sul tavolo.

Procurarsi inoltre un pezzo  spesso di gomma piuma.

Procurarsi una chiave inglese di giusta misura per svitare  i dadi di serraggio del motore. Non cercate  di svitare le viti con il cacciavite; sono serrate fortemente e l?unico risultato sarebbe quello di rovinare le sedi delle viti. Una volta svitate le viti, ricomporre le viti smontate, rammentando la posizione delle rondelle e dei perni lunghi.

Aprire il motore  e sfilare la parte di sotto del motore facendo attenzione affinch? il rotore vi segua nella discesa questo ? quello che vedrete un volta smontato il motore.

ATTENZIONE!!! APRITE LENTAMENTE IL MOTORE!!! A VOLTE PUO? CAPITARE CHE LE GUAINE DEGLI AVVOLGIMENTI SUPERIORI E INFERIORI SIANO INCOLLATE. UNA APERTURA LENTA PERMETTE LORO DI SCOLLARSI DAI COPERCHI SUPERIORI ED INFERIORI SENZA PROBLEMI.

Nelle due foto sopra riportate sono visibili due motori con grado di usura differente; quello a sinistra presenta una condizione critica, mentre quello a destra ? un motore perfetto, come nuovo (notare come sono ben visibili i fili degli avvolgimenti).

CONOSCIAMO IL MOTORE

IL MOTORE ? COSTITUITO DA 4 PARTI FONDAMENTALI:

IL COPERCHIO INFERIORE, IL ROTORE, IL PACCO AVVOLGIMENTI, IL COPERCHIO SUPERIORE.

 

Occorre ora sfilare il rotore  molto lentamente, facendo attenzione a non perdere la SFERA  posta al di sotto di esso; ? di dimensioni piccolissime!!! Se non fosse visibile, non disperatevi subito! A volte capita che rimanga incastrata all'interno della sede; se cos? fosse si procede riempiendo la sede di SVITOL, battendo leggermente su un panno il coperchio verso il basso. In questo modo la sfera cadr? nel panno.     

Se ancora non dovesse liberarsi utilizzare un cacciavite piccolo con la testa calamitata e cercare di estrarla.

Non mi ? mai capitato di trovare un motore senza sfera sotto. Se invece la sfera si trova nella sua sede sul rotore lasciarla dove si trova, senza toglierla, e posizionare il rotore in un punto sicuro, in modo che non prenda colpi  .

Chiudere quindi la sede della bronzina con dell?ovatta.

PULIZIA BRONZINA INFERIORE

Lavare quindi la parte inferiore del motore con un pennello morbido e del lubrificante/degrippante (il solito SVITOL). Non importa se si la bronzina, l'importante ? non sporcare l'interno della bronzina.

Volendo si pu? usare un piccolo contenitore e lavare con il degrippante la parte smontata.

Utilizzare ora dei cotton fioc tradizionali e con la pasta lucidante procedere alla pulizia della sede della bronzina. Basta poco prodotto, senza esagerare in quanto la pasta lucidante ha una leggerissima abrasiva. Osservare con una piccola lampadina che la bronzina sia ben pulita. Non usare nessun tipo di carta abrasiva.

Se durante tale intervento la bronzina  si muove, non ha importanza, in quanto ? dotata di snodo ed ? autocentrante.

Se sono presenti delle macchie non cercare di asportarle con nessun tipo di utensile.

Prendete ora un panno di cotone pulito e poggiate il pezzo al di sopra di esso, riempite la bronzina a tutta altezza con lo SVITOL e lasciare agire il prodotto per almeno 10 minuti; pian piano il livello tender? a scendere ed il liquido percoler? sul panno di cotone; riempite la bronzina e con l'uso di aria compressa (massimo 2-3 atmosfere) cercate di spingere il liquido nella sede della bronzina. (io utilizzo un pistola con becco in plastica per non rovinare la bronzina), in modo da far uscire tutta la morchia da sotto e dai lati della bronzina.

Notate nella foto la presenza di olio solidificato a m? di grasso e la piccola pasticca in plastica che non pu? essere sostituita se non levando i rivetti .(operazione fortemente sconsigliata!!!). E' visibile anche uno dei due feltrini.

Ripetete pi? volte l'operazione; se compiuta correttamente il liquido in ingresso ed in uscita tenderanno a mostrare la medesima colorazione. Terminata l'operazione spruzzate ancora aria fino a quando  non uscir? pi? liquido. La bronzina deve essere completamente asciutta e pulita e, in particolare, i feltrini interni devono asciugarsi.

Poggiare il gruppo inferiore sul panno in orizzontale. Prendere l'olio motore e, usando un cotton fioc intriso di olio, far cadere alcune gocce nella bronzina, fino a riempire mezzo spessore della stessa. Dopo un paio di minuti il livello scender?, a significare che i feltrini stanno riassorbendo il nuovo olio. Ripetere l'operazione fino a quando il livello si stabilizza a met? spessore. Non procedete oltre.

Mettere quindi da parte il pezzo e procedete alla pulitura della bronzina superiore.

 

PULIZIA BRONZINA SUPERIORE

La pulizia della bronzina superiore non ? semplice; occorre alzare il coperchio superiore, facendo scorrere i i fili del motore attraverso il foro del coperchio

Pulire anch'essa con il cotton fioc e lucidarla.

Spruzzare del degrippante tra la bronzina e il metallo intorno, agendo dall?interno della sede della bronzina, e asciugare con aria compressa. Una volta asciutta la bronzina superiore vanno inserite un paio di gocce d'olio motore. Controllare che siano state ben assorbite, poich? un eccesso di olio in fase di utilizzo del giradischi (ovvero a motore caldo) potrebbe cadrebbe sul rotore, provocando danni.

PULIZIA  DEL ROTORE

Prendete ora il rotore con un cacciavite calamitato e togliete  la sfera; lucidate solo i due perni del rotore.

Se la parte centrale presentasse della ruggine, toglierla spazzolandola con una spazzolina di media durezza, con cura e senza lucidarla; spesso ? presente una striscia nera: non rimuovetela!!!. Pulire bene i due lati del rotore con la pasta lucidante, ripulire bene con un panno, con particolare cura nei riguardi della sede della sfera (utilizzando un cotton fioc).

Procurarsi quindi del grasso mediamente viscoso. Non importa di che tipo sia, in quanto ha solo funzione di collante; deve, in parole povere, ancorare la sferetta alla sede del rotore. Ne serve una minima quantit?, da applicarsi sull'incavo. Posizionare infine la sferetta .

Se l'operazione vi pare rischiosa potete anche evitare di togliere la sferetta, lucidando semplicemente il rotore.

Se il procedimento ? stato correttamente sin qui eseguito, vi troverete con mezza bronzina piena d'olio nel coperchio inferiore del motore; se il livello fosse sceso rabboccarlo fino a raggiungere il livello di met? bronzina e non oltre.

Riposizionata la sferetta sul rotore occorre ora reinfilare MOLTO LENTAMENTE il rotore nella bronzina per evitare che vada perso l'olio. Occorre dare il tempo all'aria di uscire.

Se nell'infilare il rotore dovesse fuoriuscire dell'olio nella parte interna del contenitore del motore, vuol dire che ne avete messo troppo. Sfilate quindi nuovamente il rotore, pulite l'interno del motore e  togliete l'eccesso d'olio; ripetete infine l?operazione. Per asportare olio in eccesso ? perfetto un cotton fioc asciutto; inserito nella sede della bronzina assorbe l?olio in eccesso. E' normale, invece, che fuoriesca dell'olio da sotto il coperchio del motore nella fase iniziale dell'operazione di riposizionamento del rotore.

Non vi preoccupate se la bronzina di sotto si muove mentre reinfilate il rotore.

Ora il motore ? pronto!!!

Richiudete il motore infilando il rotore nel coperchio superiore; ? importante che in questa fase il gruppo motore inferiore e il rotore rimangano a contatto, per evitare che la sferetta possa uscire dalla propria sede.

Riposizionate le viti e i perni superiori, avvitandoli a mano.

Rimontare la piastra superiore facendo attenzione che l'intaglio corrisponda alla posizione dei cavi in uscita.

La piastra va montata in sequenza appena dopo aver posizionato le viti, in quanto, se rimontata con le viti serrate, sarebbe difficile da posizionare correttamente. Stringere infine le viti, ma non definitivamente.

Le bronzine, come detto, sono autocentranti; prendere quindi l'estremit? del rotore e muovere l'asse leggermente a destra e sinistra (non va tirato verso l'alto), per far assestare le bronzine.

Serrare definitivamente, senza esagerare, per evitare di spanare le viti.

FAR RUOTARE A MANO IL MOTORE , PER CONTROLLARE CHE GIRI PERFETTAMENTE.

Se tutte le operazioni sono state eseguite correttamente, il motore  deve avere una rotazione perfetta. Rimontare ora il motore nella sua sede, rimontare la basetta dei contatti completa di coperchio.

IMPORTANTE!!! Controllare che i vari fili non si tocchino tra loro.Potreste infatti, durante la pulizia del motore, aver inavvertitamente intrecciato qualche cavo.

Riposizionato il motore, porre il giradischi in orizzontale

 

3.    La pulizia del sistema puleggia-satellite

Smontate la puleggia agendo sul dispositivo metallico posto sopra di essa. Si tratta di due piccole viti, che vanno entrambe allentate. per il 124/I; per il 124/II bisogna invece svitare la vite evidenziata sulla staffa.

Una volta tolta la rondella e la puleggia occorre pulire con la pasta lucidante il perno nel quale si trova infilata la puleggia. Pulire con il solito cotton fioc e una punta di lucidante l?interno della bronzina della puleggia.

L'operazione va effettuata con delicatezza in quanto la pasta a un leggero potere abrasivo.

Smontate ora il satellite in alluminio, allentando prima la vite 7; il satellite pu? ora essere sfilato. Pulite quindi la sede del satellite con la pasta lucidante e il cotton fioc.

Lavate poi la sede con spray degrippante ed asciugate bene la sede con aria compressa e cotton fioc. Pulite infine il perno del satellite con la pasta lucidante, SENZA ASPORTARE LA PARTE NERA CHE SI VEDE ALL?INTERNO DEL SATELLITE!!! NON SI TRATTA SI SPORCIZIA, MA DI UNA BANDA MAGNETICA!!!

Mettete ora alcune gocce di olio nella sede del satellite e fatelo scendere leggermente. Rimontate quindi la puleggia. Nel modello 124/I, durante la fase di  rimontaggio, interponete tra il dispositivo metallico e la puleggia un cartoncino da 120 grammi/m2; questo serve a distanziare il dispositivo metallico dalla puleggia, che altrimenti potrebbe ruotare frenata. Ovviamente va tolto a fine montaggio. Rimettere in posizione la linguetta metallica 7.

 

Terminata la pulizia del motore, del satellite e della puleggia rimettere in sede la cinghia, collegate il giradischi e verificate che tutto  sia a posto. In particolare, controllare attentamente, come gi? detto, che i fili di alimentazione del motore che non si tocchino tra loro.

Accendete il giradischi, verificate che tutto sia a posto, spegnete e scollegate nuovamente la corrente.

Rimettete ora l?olio nel perno del giradischi: ne serve una quantit? pari ad un cucchiaino da caff? abbondante. Non esagerare in quanto troppo olio ? inutile.

Alzate nuovamente il giradischi e ruotate il pomello della velocit? fine posto sopra al centro dell?accensione, fino a quando la piastra metallica posta sotto si trovi in posizione mediana (il  nottolino 8 deve trovarsi in corrispondenza al pallino rosso).

Questa ? la posizione centrale di controllo della velocit?. Rimettete ora in orizzontale il giradischi e montate il piatto principale, senza posizionare le viti che lo fissano al perno.. Accendete il giradischi nella posizione 33 giri. Se avete eseguito correttamente quanto scritto il giradischi  dovrebbe presentare un regime di rotazione superiore, a volte anche di molto; tutto dipende da quanto sporco era il motore.

Non cercate di regolare la velocit? agendo  sulla regolazione fine. Se la velocit? ? aumentata, smontate nuovamente il piatto e avvicinate il magnete (9) al satellite, per ridurre la velocit? di rotazione. Fate una serie di prove fino a quando il giradischi assuma una velocit? prossima al valore corretto. Solo a quel punto agite sulla regolazione fine della velocit?.

Ora il giradischi ? pronto; fatelo funzionare per almeno 1 ora e pulite quindi, senza alzarlo, la parte inferiore del motore. E? normale che nei primi giorni di utilizzo vi sia un leggero trasudo di olio. A motore caldo evitate di trasportare il giradischi. Questa regola ? valida sempre.

In ultimo vi consiglio di pulire i contatti di accensione, solo per il modello 124/I e di sostituire il condensatore  d?accensione del motore, pulendo infine la lampadina, facendo attenzione a non romperla, e lo specchio dello stroboscopio.

 

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

Tutto quello che avete letto nasce dalla mia esperienza personale. Ho revisionato decine di Thorens 124 ed ho acquisito una discreta abilit?.

Se non vi sentite in grado anche minimamente di effettuare le operazioni descritte, NON LO FATE!!!

Non mi assumo nessuna responsabilit? per danni causati alle apparecchiature ed alle persone.

Se ritenete di aver bisogno del mio aiuto, posso effettuare la revisione per conto vostro, altrimenti rivolgetevi ad un centro autorizzato di riparazione che conosca nello specifico il giradischi. Non si tratta di un moderno giradischi dove regna l?elettronica, ma di un oggetto dove il 90 % del lavoro ? meccanica pura.

Piu? che un esperto di elettronica serve un esperto in meccanica.

Per chi si accinge a eseguire in proprio la manutenzione, serve quindi esperienza, abilit? manuale, capacit? di ricostruire le eventuali parti mancanti. Ogni apparecchio ha una sua storia e una sua problematica specifica

Problematiche come la rottura  di un filo del motore mentre lo si revisiona, il commutatore velocit? che non va, la sostituzione di una bronzina del motore, una molla rotta sono piuttosto complesse da risolvere, ma frequenti da riscontrare.

Quello che vi ho descritto in queste poche regole ? il livello minimo di manutenzione al quale va sottoposto il Thorens 124 affinch? possa regalarvi moltissime ore di buona musica.

Altre cose potrebbero essere fatte, ma preferisco fermarmi qu? per non rendere troppo complesso il lavoro.

Abitualmente, prima della revisione di un motore, procedo al controllo della temperatura di esercizio nell?arco di 3 ore con una sonda termica. Dopo la revisione sottopongo il motore a test che durano mediamente 6- 8 ore.

Vi consiglio, prima di iniziare il lavoro, di procuravi tutto quello che vi serve per la revisione, oltre alla mia pasta e al mio olio, naturalmente!!!

Se avete domande da farmi in merito alla manutenzione, fatele prima di iniziare il lavoro!!!

Simone Lucchetti

 

Per contattare Simone per informazioni, scrivere a simoluc@tiscali.it